Carne/ Secondi

Cosciotto di agnello stufato alla Guinness di Jamie Oliver

Ragazzi questa ricetta è una BOMBA, SCANDALOSAMENTE BUONA!

L’ho cucinata ieri per il nostro pranzo pasquale, che abbiamo festeggiato proprio ieri per motivi lavorativi, ed è stato un toccasana per l’anima. Avevo in mente questa ricetta da quando, un paio di mesi fa, ho sfogliato il libro di Jamie Oliver “Jamie’s Great Britain” suggeritomi da La blonde femme: ovviamente un piatto tipico della cucina britannica ( IIT ), e mi sono ripromessa che l’avrei sperimentato per Pasqua.

E’ stato un successone ma SE NON AMATE:
-il caratteristico profumo dell’agnello stufato che vi accoglie quando entrate nei pub inglesi ;
-la morbidezza della carne cotta lentamente che si scioglie in bocca tipo burro ;
-il sapore dolciastro che dona una buona birra durante la cottura ;
-generose dosi di salsa appetitosa, da raccogliere con il patate, il pane, il dito…. ;
-la freschezza della menta abbinata alla carne ;
NON preparate questa ricetta perché non è cosa per voi!

INGREDIENTI 

3 cipolle
olio di oliva
sale e pepe
2 manciate di uvetta
3 cucchiai colmi di marmellata di arance con la buccia tagliata spessa
1 cucchiaio colmo ketchup
2 cucchiai salsa Worcestershire
200 ml birra Guinness o una buona dark ale
6 spalle d’agnello io ho usato 3 cosce
8 rametti di rosmarino io ho aggiunto anche 4 rametti di timo
1 l brodo di pollo io ho usato del brodo di manzo leggero
1 mazzetto di menta fresca
olio di oliva

12 patate
burro a fiocchi

Procediamo

Sbucciate e tritate finemente le cipolle e versatele con dell’ollio d’oliva in una pentola capiente circa 26 cm per 12 di altezza, salate e pepate generosamente. Cuocete a fuoco medio fino a quando le cipolle cominceranno a caramellare, mescolando di tanto in tanto.
Aggiungete l’uvetta, la marmellata, quindi il ketchup, la salsa Worcester e la birra.
Mescolate bene e lasciate cuocere a fuoco dolce.
Armatevi di pazienza perchè questo è un passaggio importante: mettete ora le cosce in una padella molto capiente, almeno 30 cm di larghezza, con un filo d’olio e fatele rosolare per bene da ambo i lati, girandole più volte. Appena le cosce saranno ben dorate spostatele nella pentola con la cipolla e cuocete nell’olio rimasto i rametti di rosmarino e timo per farli diventare croccanti ma attenzione a non bruciarli. Versate ora anche i sapori e l’olio aromatizzato nella pentola con l’agnello.
Aggiungete il brodo, mettete il coperchio e abbassate la fiamma al minimo e cuocete lentamente per 3 ore fino a quando la carne si staccherà dall’osso. Girate la carne a metà cottura.
Una volta cotte, spostate le cosce con attenzione su un piatto e frullate il fondo di cottura fino a renderlo omogeneo, se necessario lasciate ridurre ulteriormente a fuoco lento.
La ricetta prevede la preparazione di un “celeriac and mash potato”, una sorta di purè fatto con patate e sedano rapa ma io ho optato per delle semplici patate cotte al vapore, schiacciate con la forchetta e condite con sale e generosi fiocchi di burro.
Prendete le foglie della menta e pestatele in un mortaio con un pizzico di sale e olio. Se non avete il mortaio non frullatele ma tritatele finemente a coltello.

Assembliamo il piatto

Versate le patate sul piatto di portata, stendete sopra la carne ed irrorate con la salsa e le patate e con l’olio alla menta la carne.

Buon assaggio !

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply