Dolci/ Il club del 27/ MTC

Le mie “Danish pastries” per – IL CLUB del 27-

Of course!
Le Danish pastries o solo Danish sono una preparazione dolce danese irresistibile, si tratta di un impasto soffice e sfogliato, che ha conquistato il mondo intero. Forma e farce differiscono a seconda del paese in cui vi trovate: in Svezia sono tipicamente rotonde con un ripieno di crema alla vaniglia al centro, in UK  sono farcite con vari ingredienti come marmellata, crema, frutta fresca e secca che può anche essere inserita nell’impasto. Inoltre, si usa aggiungere un pizzico di cardamomo per esaltarne la dolcezza. Negli USA si guarniscono in superficie con frutta o creme cheese (la glassa al formaggio spalmabile) ed in Argentina sono di solito farcite con dulce de leche o dulce de membrillo.
Sono certa che questi meravigliosi dolcetti li avete assaggiate almeno una volta nella vostra vita e se così non fosse questa è l’occasione giusta per preparali ed assaggiarli con il  Club del 27.

La sfida del gruppo MTC di ottobre verte proprio sulla preparazione della sfoglia e noi partecipanti ci siamo cimentati nella preparazione dei cannoncini alla crema. Il Club del 27 riprende il tema del mese della sfida MTChallenge 50 che prevedeva la preparazione dei croissant sfogliati. Vi invito a dare una piccola sbirciatina alle ricette, meritano e vi verrà voglia di cucinarle insieme a noi.

Io ho scelto di riproporvi la ricetta proposta da Sara Fumagalli del blog dolcizie

INGREDIENTI
500 g farina di forza Manitoba, più altra per spolverare
10 g di sale fino
80 g di zucchero – io 100 g –
10 g di lievito di birra disidratato
2 uova medie
90 ml di acqua fredda
125 ml di latte intero tiepido

250 burro non salato freddo

Procediamo
Mettete tutti gli ingredienti nella ciotola dell’impastatrice e impastate a velocità bassa per 2 minuti, quindi a velocità media per altri 6 minuti (se impastate a mano, impastate per almeno 15 minuti).
Rovesciate l’impasto su una superficie leggermente infarinata e formate la classica palla.
Spolverizzatela con un po’ di farina, avvolgetela nella pellicola alimentare e mettetela a riposare in frigorifero per un’ora.
Su una superficie leggermente infarinata, stendete l’impasto fino a ottenere un rettangolo di circa 50×20.
A parte appiattite il burro formando sempre un rettangolo ma di circa 30×17 cm. Disponete quindi il burro sulla parte bassa dell’impasto, in modo che ne copra i 2/3.
Piegate l’impasto senza il burro, sopra quello con il burro, in modo da arrivare a coprire metà burro, ora ripiegate l’altra metà di impasto (quello con il burro) sopra l’impasto appena piegato. Avrete ottenuto un rettangolo, con due strati di burro e tre di impasto. Pizzicate leggermente i bordi, in modo da sigillare il burro all’interno.
Mettete nuovamente in frigo a riposare per almeno 1 ora.
Tirate fuori l’impasto e sistematelo su una superficie sempre leggermente infarinata, con il lato corto verso di voi. Stendete fino a formare un rettangolo di circa 50×20 cm. Ora dovete fare l’oramai nota piega a 3, ovvero dovete piegare 1/3 dell’impasto verso l’alto, quindi il terzo in alto sopra di esso.
Altro riposo in frigo per 1 ora.
L’ultimo passaggio va rifatto altre 2 volte.
Alla fine l’impasto ha bisogno di essere lasciato in frigo 8 ore (o una notte), in modo da riposare e lievitare appena. A questo punto è pronto per essere usato.
Sbizzarrite la vostra fantasia, potete fare delle girelle, dei nodini, farcire o meno.
Prima di infornare le brioches spennellatele con del tuorlo d’uovo. Cuocete a 200° per 15-20 minuti.

Buon assaggio!

 

Cenni storici e dettagli li trovate qui

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    Kika
    27/10/2017 at 11:24

    Come facevamo quando il tuo blog non esisteva?
    Tu non solo sei una perfezionista, sei anche dannatamente brava, con tanta manualità.
    Adoro questa tua versione dei Danish Pastries e avevo optato per il salato per non mangiare più niente di dolce questo mese, ma più guardo questi dolcetti e più li vorrei mangiare.
    Il conto del mio dietologo dove te lo faccio recapitare?

    • Reply
      Silvia Zanetti
      30/10/2017 at 20:24

      ahahahahah certo che lo pago io, con un bel vassoio di pastries 🙂

  • Reply
    Katia Zanghì
    28/10/2017 at 15:47

    Belli e golosi, Silvia!

  • Leave a Reply