Primi/ Sughi

Paccheri al ragù di corte

I tre giorni trascorsi a Napoli per il raduno MTC sono volati. Sono stata bene, veramente bene e mi sono divertita tantissimo perché tutto é stato ben organizzato in ogni dettaglio, quando si è in ottima compagnia il tempo vorresti non finisse mai. Ho potuto solo “assaggiare” Napoli, tre giorni sono stati un morso dai mille sapori : i suoni ed i colori, la pizza, i palazzi ricchi di storia artistica, le sfogliatelle, i vicoli pittoreschi e pieni di vita, il caffè, San Gennaro, il vociare tipico dei venditori, i cornetti rossi, il mare ed il golfo che rendono tutto ancor più magico ed infine il Vesuvio. La sua sagoma grande ed imponente troneggia sulla città e mostra tutta la sua bellezza e la sua forza. Ripensando alle splendide nuove amicizie fatte in quei giorni, sorrido perché mi risuonano nella testa le risate fatte durante l’asta per raccogliere fondi per Piazza dei Mestieri. Mi sono aggiudicata delle caccavelle fan-ta-sti-che che ho sistemato in una valigia piena di leccornie napoletane e tra le sfogliatelle e i taralli di Leopoldo, tra il Vesuvio di Gay Odin e il mio pigiama ha trovato posto un fantastico sacchetto di paccheri omaggio del Pastificio Gentile di Gragnano.
Me li sono immediatamente immaginati ripieni.
E così é stato. Li ho cucinati ieri con un antico e tipico ragù padovano, il ragù di corte.
Bianco, aromatico, saporito e leggero, prevede solo carni di animali di corte quali la gallina padovana, la farona, l’anatra ed il coniglio.
I paccheri di grano duro del Pastificio Gentile sono di un bel colore giallo paglierino, trafilati al bronzo per trattenere meglio il condimento e spessi, mantengono forma ed elasticità durante la cottura.
Padova-Gragnano in un pacchero, un gemellaggio di sapori antichi come i loro ingredienti.

RAGÙ DI CORTE per 4 persone
-Ingredirnti-
80 g cipolla
80 g sedano
170 g carota
200 g carne di gallina
150 g carne di faraona
150 g carne d’ anatra
150 g carne di coniglio
150 ml vino bianco
300 ml brodo di carne
100 ml olio evo
3 foglie di salvia e 1 cucchiaio di rosmarino (odori)
1 mazzetto con 3 foglie di salvia, 1 rametto intero di rosmarino e 1 foglia di alloro
sale
pepe

-Procediamo-
Pulite le carni da pelle ed ossa e tagliatele a cubetti piccoli. NON gettate le ossa 😊
Tritate le verdure e gli odori.
In una casseruola capiente versate l’olio e le verdure tritate. Fate apassire a fuoco medio.
Aggiungete le carni e mescolatele con un cucchiaio di legno in modo che si sgranino e si rosolino per bene.
Salate e pepate.
Sfumate con il vino ed inserite il mazzetto di profumi.
Abbassate la fiamma e cucinate per un’ora circa. Di tanto in tanto mescolate ed aggiungete del brodo per mantenere umide le carni. Aggiustate di sale.

Cuocete i paccheri per 18 minuti, scolateli e farciteli con il ragù.
Servite con una spolverata di grana.

Buon assaggio! 😊

Ps. le ossa usatele per fare dell’ottimo brodo leggero dal gusto delicato. Vi stupirà!

L'immagine può contenere: cibo e spazio al chiuso         L'immagine può contenere: cibo

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply